S.Cipriano Picentino, chiusa da anni ma di fatto in attività: sequestrata officina Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

San Cipriano Picentino. I militari della stazione carabinieri forestale di San Cipriano Picentino ed i militari della locale stazione carabinieri, nell’ambito di controllo congiunto del territorio hanno ispezionato un’autocarrozzeria nel comune di San Cipriano.

Avviate le verifiche del caso, i militari hanno ispezionato i locali officina, la cabina di verniciatura, i locali ufficio e verificato le posizioni degli operai al lavoro sulle autovetture. Dagli accertamenti esperiti è emerso che il datore di lavoro non era in grado di documentare la loro regolare occupazione, né gli stessi hanno potuto esibire alcuna documentazione attestante la propria regolare presenza al lavoro e, pertanto, i militari hanno proceduto a segnalare l’irregolarità all’Ispettorato Territoriale del Lavoro per i provvedimenti di competenza; uno dei lavoratori irregolari è risultato tra l’altro percettore del reddito di cittadinanza.

Alla richiesta dei militari di esibizione dei titoli autorizzativi necessari per esercitare l’attività di autocarrozzeria in corso di svolgimento, il titolare della medesima non è stato in grado di mostrare alcuna documentazione comprovante il legittimo esercizio dell’attività. Dai consequenziali accertamenti condotti con celerità dai militari è altresì emerso che: l’attività risulta cessata da diversi anni, mai registrata alla Camera di Commercio, mai iscritta all’INPS e che, infine, presso gli uffici comunali non risulta rilasciata autorizzazione per lo svolgimento della stessa.

Alla luce di quanto accertato, i militari hanno provveduto a porre sotto sequestro l’intera area adibita ad officina di 250 mq circa, i macchinari da lavoro ed i rifiuti speciali anche pericolosi rinvenuti al suo interno, le aree esterne di pertinenza, utilizzate per sostare i veicoli in attesa di riparazione e 23 autoveicoli taluni dei quali in riparazione ed altri in attesa di essere lavorati.

Deferiti alla Autorità giudiziaria i soggetti responsabili dei reati di illecita gestione dei rifiuti, emissioni in atmosfera non autorizzate e scarico di reflui industriali non autorizzati oltre che per i reati contro l’igiene e la sicurezza negli ambienti di lavoro.

Contestate inoltre, a vario titolo, sanzioni amministrative per un totale di 50.000 euro ai titolari di fatto dell’opificio per aver esercitato la professione in assenza di iscrizione al registro degli autoriparatori ed ai clienti per essersi avvalsi, in qualità di proprietari, di esercizio abusivo non iscritto all’albo.

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

banner_papera_220x180

Leggi anche

Salerno. Luci d’Artista:le strade dove sono stati interdetti altri eventi

Al fine di contenere la diffusione del virus da Covid-19 è stata adottata dal Prefetto di Salerno, Francesco Russo, la […]

Albanella. Corso Europa: un percorso ad ostacoli, auto danneggiate

Albanella. Corso Europa, lungo la strada provinciale 11  un vero percorso ad ostacoli. Lo sanno bene gli automobilisti che ieri [&hell

Campania. Al via le vaccinazioni anticovid bambini 5-11 anni

Nel corso della riunione convocata oggi dal presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca, alla quale hanno partecipato l’Un

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2