Pontecagnano. Omicidio Anna Borsa: il racconto della collega Paola Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Pontecagnano Faiano. “Era finita da otto mesi, ma lui non lo aveva mai accettato: era convinto che Anna fosse solo  sua”, questa la testimonianza di Paola  42 anni, collega di Anna Borsa, subito dopo la tragedia di via Tevere. Paola ricorda quei momenti drammatici raccontati dal quotidiano La Città. ” Anna si stava lavando le mani – racconta – perché aveva appena ultimato una colorazione. S’è asciugata le mani ed è andata dietro, in ufficio. E lui le ha sparato”. È stata lei a chiamare i carabinieri. E sempre lei aveva invitato Alfredo Erra ad andar via: “Alfrè, esci fuori, gli ho detto. Aveva un trolley blu. Era vestito tutto nero”.  Pure Anna l’aveva esortato ad allontanarsi: “Esci fuori, dopo esco io fuori”, gli ha detto, ma lui “No, devo dirti solo una cosa”. Anna aveva paura. “Aveva paura da mesi. Lui non aveva mai accettato la fine di quella storia”.  A Pontecagnano resta lo choc per una terribile  tragedia nel cuore della città. Un assassinio in pieno giorno, nel cuore della città. A due passi dalla chiesa “Madre dell’Immacolata”, con il dolore e la commozione manifestata dal parroco, don Antonio Pisani: «Oggi ci aspetta solo la preghiera . Non il rancore e l’odio. Affidiamo la povera Anna alla misericordia di Dio. Il silenzio è la lezione più profonda. Solo lo sguardo e la tenerezza del cuore possono comprendere il dramma di una mamma e di un papà che vivono questa tragedia». Il grande cuore di Anna innamorata della vita, della  sua famiglia e legatissima al fratello più piccolo, il “suo” Vincenzo, il suo «posto sicuro», come lo aveva definito sul suo profilo social. Una ragazza con tanti sogni spezzati in un modo terribile. Una vicenda che ha sconvolto tutti creando nella famiglia un dolore inimmaginabile.

»

Leggi anche

“Albanella e le sue ricchezze”: la suggestiva mostra di Vincenzo Vairo

“Albanella e le sue ricchezze”: è questo il titolo della mostra fotografica,  che sarà possibile ammirare in occasione d

Albanella. Quercia finisce su cavi elettrici: intervengono vigli del fuoco

Albanella. Una grossa quercia finisce sui cavi elettrici e quelli della linea telefonica: intervento di urgenza dei vigili del fuoco [&

Ad Albanella escalation di furti: abitazioni prese di mira

Torna l’incubo furti sul territorio comunale di Albanella. La notte passata infatti, è stata all’insegna delle razzie port

Webp.net-gifmaker