Sole 24 Ore, qualità della vita: Salernitano non è a misura di bambini Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Il territorio però viene indicato come “eccellente” per i giovani fra i 18 e i 35 anni

La provincia di Salerno non è a misura di bambini e non brilla neanche per la qualità della vita degli “over 65”. Ma, quasi a sorpresa, il territorio viene indicato come “eccellente” per i giovani fra i 18 e i 35 anni.

A certificarlo è l’indagine sulla qualità della vita generazionale del Sole 24 Ore che misura con 12 parametri la vivibilità dei territorio per bambini (0-12 anni), giovani e anziani. Gli indicatori sono stati selezionati per evidenziare particolari aspetti che influenzano la qualità della loro vita. Ad ogni parametro è stato poi assegnato un punteggio per ciascuna provincia. E la classifica finale è il risultato della media dei punteggi conseguiti. I tre nuovi indici documentano così la capacità delle istituzioni di mettere in campo servizi efficienti, le relative condizioni di vita, le lacune nei confronti dei più fragili e le aspettative dei più giovani. Ne emerge un quadro nel quale, da Nord a Sud, i divari territoriali assumono purtroppo anche contorni generazionali.
Il Salernitano non è un eden per bimbi. Il divario in provincia assume contorni preoccupanti soprattutto per i bambini fino a 12 anni. Perché, secondo la ricerca del quotidiano economico, il territorio salernitano è addirittura nelle ultime posizioni, precisamente al 97esimo posto nella graduatoria delle province, con una media di 308,3 punti. E poco importa se, rispetto allo scorso anno, sono state “guadagnate” quattro posizioni: il dato di essere tra i “peggiori” resta sempre attuale. Il parametro meno brillante, per usare un eufemismo, riguarda l’accessibilità delle scuole: in questo caso la provincia si piazza addirittura al penultimo posto nazionale (106), con una percentuale di scuole senza barriere fisiche per i diversamente abili di appena il 19,4% e un punteggio complessivo di 35,2. E proprio il patrimonio immobiliare scolastico è il tallone d’Achille di Salerno e provincia, che la fa precipitare in fondo alla classifica. Perché tra i peggiori d’Italia è pure il dato riguardante le scuole con la mensa (84) e dotate di palestra (70). E anche i posti negli asili nido confermano questo trend negativo, che penalizza il salernitano. In questo caso, infatti, la posizione è la 85esima, mentre per lo spazio abitativo è all’81esimo posto. Va decisamente meglio per gli altri parametri: tasso di fecondità (44), pediatri (46), studenti per classe (49), giardini scolastici (48), verde attrezzato (59), indice sport e bambini (67), delitti denunciati ai danni di minori (32).
Over 65 penalizzati. E il salernitano, sempre secondo l’indagine del Sole, non è neppure una provincia ideale per gli over 65. Anche in questo caso la graduatoria assoluta non sorride a Salerno, che si piazza in 71esima posizione, migliorando tuttavia di 21 posizioni la performance del 2021. A differenza dei parametri per i bambini, stavolta a far pender la bilancia verso il fondo della graduatoria non è una precisa problematica ma una serie di concause, che vanno dalla sanità fino ad arrivare alla mancanza di spazi. E, in particolar modo, a penalizzare il territorio che va da Scafati a Sapri è la speranza di vita a 65 anni (90), seguita dalla mancanza di orti urbani (91), dall’assistenza domiciliare (84), dal consumo di farmaci per malattie croniche (75), dalle biblioteche (75), dal trasporto anziani e disabili (72). Ci sono, però, anche servizi quasi d’eccellenza, come gli indici di dipendenza degli anziani (8) e il consumo di farmaci per depressione (8). Gli altri parametri rientrano più o meno nella media: inquinamento acustico (52), infermieri (45), geriatri (44), medici specialisti (49).
Giovani: parametri ok. A differenza di anziani e bambini, i giovani nel salernitano vivono bene, tant’è che la provincia si posiziona addirittura nella top 20, al 15esimo posto. Tra i plus c’è il gap affitti tra centro e periferia (2), le imprese che fanno e-commerce (5), l’imprenditoria giovanile (11) e il quoziente di nunzialità (13) che proiettano Salerno e la sua provincia nelle zone alte della classifica. Buone notizie anche da altri parametri, come gli amministratori comunali under 40 (39), bar e discoteche (34), mentre in picchiata verso il basso sono il saldo migratorio totale (82), aree sportive (106), canone di locazione (86), età media al parto (61), laureati (64) e disoccupazione giovanile (87). (La Città)

Foto di Rudy and Peter Skitterians da Pixabay

»

Leggi anche

Eboli. Ammesso a finanziamento nuovo asilo a Santa Cecilia

Eboli. Ammesso a finanziamento nuovo asilo nella frazione di  Santa Cecilia. “Sono state pubblicate le graduatorie per oltre 3 m

Vallo di Diano, Filiera cerealicola: ok a manifestazione di interesse

Con riferimento alle attività del Progetto “Ag. I. Re. Agricoltura Innovativa e Resiliente”, a valere sulla misura 16.7.1 del PSR

Buccino. Bolletta gas da un milione di euro per industria conserviera

Caro energia? Lo conosce bene un’impresa conserviera, in piena campagna per la produzione di conserve di pomodori di Buccino.  F

Webp.net-gifmaker