Capaccio. Opere abusive su demanio comunale: Tar rigetta ricorso contro abbattimento Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

In località Licinella nell'ambito della pineta costiera

Capaccio Paestum. Realizza opere di pertinenza alla sua abitazione ma su demanio comunale nell’area adiacente alla fascia pinetata: il Tar rigetta il ricorso contro l’ordinanza di abbattimento emessa dal Comune. Il provvedimento è stato emesso dall’ente, che si è costituito in giudizio assistito dai legali Emilio Grimaldi e Raffaele Carpinelli,  lo scorso mese di giugno. Il ricorrente, in particolare, aveva impugnato  l’ordinanza del Comune  riguardante la rimozione delle  opere edilizie realizzate su un’area di 160 metri quadrati in località Licinella nell’ambito della pineta costiera,  destinata a pertinenza della sua abitazione, ma appartenente al demanio comunale e soggetta ad usi civici. Le contestazioni riguardano: una tettoia in legno lamellare; un manufatto in struttura prefabbricata adibito a deposito; un edificio in muratura;  una recinzione con paletti di ferro e rete metallica; impianti interrati irrigui ed elettrici di illuminazione esterna. I giudici del Tar hanno ritenuto il ricorso ”  manifestamente infondato e può essere deciso con sentenza in forma semplificata, stante la natura vincolata del provvedimento impugnato, non è stato  allegato alcun titolo che,  lo legittimi all’esecuzione di lavori sull’area”. Pertanto il ricorso è stato rigettato. 

 

»

Leggi anche

Allarmi furti a Piaggine: ladri entrano in casa e rubano cassaforte

Piaggine. Banda di ladri in azione sul territorio comunale. Da quanto si è appreso,  hanno agito intorno alle 19 di […]

Salerno. Aggressioni pronto soccorso salernitani: vertice in Prefettura

Si è tenuto nella mattinata di oggi, presso il Palazzo del Governo, un incontro per esaminare le criticità relative alla […]

Cava. Oggi autopsia su 32enne Fabrizio Gaudioso: aperta inchiesta

Cava de’ Tirreni. E’ stata effettuata quest’oggi,  presso l’ospedale di Mercato San Severino (Salerno), l’autopsia sulla